Cosa centrano un sopravvissuto in un lager, un manoscritto e un’opera inedita con il management?

CatturaEra il 1938 quando la carriera di un giovane neurologo e psichiatra venne improvvisamente interrotta. Il giovane era viennese ed ebreo. All’epoca lavorava alla clinica di neurologia, era conosciuto e stimato, ma non abbastanza per evitargli la deportazione.

Al momento della cattura era riuscito a infilare  nella tasca del suo cappotto un manoscritto, un libro cui stava lavorando. Ma una volta entrato al campo questo manoscritto gli  fu sottratto. E forse questa fu la sua salvezza.

Il giovane neurologo era Viktor Frankl, fondatore della logoterapia, autore di libri tradotti in tutto il mondo, e diffusore di una analisi esistenziale come cura del sé.

La deportazione come analisi di sé.

L’esperienza al campo fu drammatica eppure, ricorda Frankl, c’era in lui anche una forma di curiosità verso l’orrore, verso la paura e verso le sue stesse sensazioni. Si ammalò di tifo e ciò nonostante registrava ogni accadimento a sé e al mondo circostante con una lucidità impressionante. Questa esperienza è raccontata nel libro “Uno psicologo nel Lager” (in tedesco il titolo dice molto di più: “… nonostante tutto dire si alla vita”).

Negli anni nel campo aveva visto morire tanti compagni di baracca. Uomini che avevano  rinunciato a sperare, uomini che erano morti, e non per le camere a gas, ma per l’abbandono di sé stessi. Uomini, scrive Frankl, che fuori dal campo, non avevano più nulla o non trovavano più nulla che potesse dare loro anche solo un briciolo di forza per resistere a tanto orrore. Lui, invece, aveva consapevolmente iniziato a memorizzare il suo manoscritto sequestrato con lo scopo, una volta finito tutto, di riscriverlo. Fu questa sua volontà, così concreta a salvarlo. Frankl non sognava di essere libero. Frankl sognava di scrivere un libro e per questo ogni giorno lo memorizzava. Era il libro il suo obiettivo, non una cosa astratta come la felicità o la libertà. Come lui ne sopravvissero altri, non necessariamente quelli più forti fisicamente. Ma quelli che avevano come lui uno scopo molto concreto: rivedere la moglie, i figli, la famiglia, riaprire la propria officina o il negozio. O, come lui, scrivere un libro.

Un uomo che è divenuto consapevole della responsabilità che ha di fronte a un’opera in fieri o di fronte a una persona amata che lo aspetta, un tale uomo non sarà mai in grado di buttare via la propria vita.

Viktor Frankl, la filosofia del senso e il management.

Io ho scoperto Viktor Frankl a una scuola estiva  di management (Malik Management Summer School). Il suo libro “Alla ricerca di un significato nella vita” era posto tra la bibliografia consigliata. Per questo ne parlo qui, in questo blog, perché davvero nella nostra vita, come nel nostro lavoro, le parole di Frankl hanno ancora oggi una potente efficacia, se siamo disposti ad ascoltarle.

Il libro parla del fallimento come condizione di partenza. Descrive l’ambiente che ci condiziona come trampolino per essere noi e diversi dal noi originario. La possibilità del cambiamento. Le azioni che diventano scopo. L’essere contrapposto al poter essere. E il senso per qualcosa, racchiuso dentro ogni nostra azione.

Scriveva Frankl negli anni Novanta:

Viviamo in un’epoca in cui non ci sono più valori che ti dicono come fare le cose, né una tradizione che ti dica cosa fare e ci troviamo persi perché non sappiamo più cosa vogliamo. La questione, attuale, soprattutto oggi è non di cosa vivere, ma per cosa.

Oggi è il giorno della memoria e per questo scrivo di Viktor Frankl e lo consiglio come lettura. Aiuta a riflettere in profondità sul contenuto delle nostre azioni.

Anche nelle cose piccole e minute. Nemmeno un gesto dovrebbero essere sprecato. Le parole non contano. È solo nell’azione che diamo una risposta vera alle parole e ci assumiamo la nostra responsabilità (in tedesco Ver-Antwotung, dove antworten significa rispondere, a allora la responsabilità diventa una risposta alle domande della vita)

Non entro nelle questioni esistenziali, ma penso, molto più banalmente al lavoro, dove troppe cose accadono senza che ci si fermi a pensare al senso che hanno: anche noi quante cose inutili facciamo, quanto tempo sprechiamo, quanti obiettivi astratti ci riempiono la testa, e lasciano ferme le mani, a riposo, senza attività. Quante riunioni senza senso, quanti processi dentro l’organizzazione senza senso, quanti report senza senso, quante relazioni, umane, senza senso. E visto che mi occupo di eventi, cosi effimeri, volatili, intangibili: ebbene quanti eventi senza senso vengono messi in scena, per riempire cosa? Di quali contenuti si fanno portatori? E se uno scopo c’è,  agiamo coerentemente sempre in quella direzione?

L’opera incompiuta

Non sempre è facile riconoscere se la strada è quella giusta. Forse una storia, suggerita da Frankl,  ci può aiutare:

Uno scultore riceve un incarico. Deve realizzare un cavallo di legno. Deve cioè prendere la materia e plasmarla. Il committente, però, non gli ha indicato la data di consegna, dice solo: “Passerò”. E così lo scultore si mette al lavoro, non sapendo se magari addirittura il committente intenda passare già dopo solo qualche ora di lavoro.  

Per questo motivo, fin dal primo taglio è costretto, per evitare che l’opera ne risulti monca, a darvi il senso di un cavallo. Ogni intervento deve andare in quella direzione. Nessun momento, nessuna limatura, nessun intaglio può essere sprecato. Ogni azione sulla materia deve essere già “cavallo”.

Vi lascio con questa storia, che a me piace molto.

Se queste riflessioni che legano psicologia, filosofia e management vi interessano, ecco alcuni spunti per approfondire:

Viktor Frankl:

Viktor Frankl, biografia

V. Frankl, Uno psicologo nel lager

V. Frank, Alla ricerca di un significato della vita

Pagina Facebook

Video: Why believe in others (V. Frankl, 1972)

Management e Viktor Frankl:

F. Malik, Management: The essence of craft

Altri libri utili all’event management:

Biblioteca 

3 pensieri su “Cosa centrano un sopravvissuto in un lager, un manoscritto e un’opera inedita con il management?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...